mercoledì 23 maggio 2012

Isola del Giglio - campo antibracconaggio



Dal 28 aprile al 1 maggio, a distanza di un mese dall'ultima operazione
antibracconaggio, alcuni volontari della LAC (Lega Abolizione Caccia) e di 
 TerrAnomala sono tornati sull'isola del Giglio.
 
In meno di quattro giorni sono stati rimossi 131 lacci e 16 schiacce. 
Nelle schiacce sono stati ritrovati piccoli uccelli come i luì, i verzaioli, passeri,
conigli e ratti.
Nelle perlustrazioni effettuate si è potuto constatare che alcuni contadini hanno
seguito i consigli dell'Ente Parco per proteggere meglio i loro orti e vigneti 
utilizzando una recinzione adeguata. Tutti gli altri, però, continuano a preferire 
l'uso di lacci e schiacce.
Disporre intorno al proprio terreno questi strumenti di morte è un'attività illecita 
che, invece, viene svolta alla luce del sole in modo continuo. Basta percorrere i  
sentieri panoramici dell'isola, buttare un'occhiata attorno agli orti e notare 
queste trappole micidiali. Addirittura c'è chi ha predisposto nella rete dei facili 
passaggi per gli animali, passaggi simili ad archi, sostenuti da dei tubicini di 
ferro e con il laccio penzoloni per impiccarli.
Noi ripetiamo che l'unica soluzione è proteggere bene il proprio terreno.
Questo sistema, che costerebbe ben poco alla collettività, ha bisogno di una REALE 
cooperazione fra gli Enti: Comune del Giglio, Guardia Forestale, Ente Parco, 
Sovraintendenza e Provincia di Grosseto. Collaborazione che fra persone interessate 
dovrebbe essere di facile attuazione, ma che in questo contesto sembra impossibile. 
Probabilmente le istituzioni stesse, lasciando i gestori dei terreni in balia di 
promesse di dubbia attuazione, come legalizzare la cattura dei conigli vivi con le 
trappole all'interno del parco (e poi cosa farne?), e la solita burocrazia 
ferrugginosa (nessuno delle persone da noi intervistate ha saputo dirci a chi 
chiedere i permessi e come reperire i fondi che sono a disposizione di tutti i 
contadini del luogo), fanno apparire difficoltosa la soluzione, portando tutti a 
pensare che "tanto non si puo far niente, quindi tutto è permesso"...

Agosto è vicino: la vegetazione dell'isola seccherà e i conigli affamati si 
riverseranno negli orti dove possono reperire cibo fresco. Noi torneremo. 
Ma i contadini, se non si attuano le collaborazioni necessarie, rimetteranno lacci 
e schiacce, inducendo morte e sofferenza a degli animali che, ricordiamolo, sono 
 stati introdotti dall'uomo e che ora non può massacrare per pigrizia e ignoranza.

 

Associazione Terranomala - InformAzione Diretta per la Liberazione Animale. Copyright 2009 All Rights Reserved Free Wordpress Themes by Brian Gardner Free Blogger Templates presents HD TV Watch Shows Online. Unblock through myspace proxy unblock, Songs by Christian Guitar Chords